Studio di Psicologia Forcillo

Articoli editi a stampa:

Curriculum

Titoli di studio – Perfezionamenti – Specializzazioni – Corsi

Laureato in Sociologia (indirizzo socio-psicologico), presso l’Università degli Studi di Napoli, con tesi in psicologia applicata, votazione: 110/110 e lode (20/06/1979).

Perfezionato in psicodiagnostica, presso l’Università degli Studi di Napoli, I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia. Perfezionato in psicotecnica, presso l’Università degli Studi di Napoli, I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Perfezionato in psichiatria sociale presso l’Università degli Studi di Napoli, I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Diplomato al Corso di Specializzazione biennale Statale Polivalente per i Docenti di sostegno per gli alunni portatori di handicap (D.P.R. 970/75).

Diplomato al Corso di Specializzazione, quadriennale, per Psicoterapisti rogersiani e Facilitatori di gruppo d’Incontro presso l’I.A.C.P. (Istituto dell’Approccio Centrato sulla Persona ” Carl ROGERS “), sito in Roma. L’I.A.C.P: è riconosciuto con D.M. del 31/12/1993 ai sensi della Legge 56/89.

Diplomato al Corso di formazione biennale: “Client Centered Psychoterapy”, presso l’Università Statale di SANTA CRUZ – SAN DIEGO – CALIFORNIA (U.S.A.).

Abilitato all’insegnamento di informatica gestionale – Classe di Concorso ex A053 – D.M. 23/03/1990.

Abilitato all’insegnamento della Psicologia Sociale e Pubbliche Relazioni – Classe di Concorso ex A082 – D.M. 23/03/1990.

Abilitato all’insegnamento di Filosofia, psicologia, scienze dell’educazione – Classe di Concorso A036 – O.M. n. 153/99.

Ha partecipato al Corso post-universitario di Training alla relazione psicologica con il paziente canceroso, presso l’Istituto per lo Studio e la Cura dei tumori ” Fondazione PASCALE ” di Napoli.

Ha partecipato al Corso di formazione in Psicologia della Sicurezza Viaria organizzato dall’AUPI (Associazione Unitaria Psicologi Italiani).

Ha partecipato al Corso per TRAINER del Metodo di formazione personale e professionale, per Docenti di ogni ordine e grado, ” T.E.T. ” (Teacher Effectiveness Training) di Thomas GORDON dell’Effectiveness Training Inc. – California – (U.S.A.).

Ha partecipato al Corso di formazione, per Docenti su tematiche emergenti d’educazione sanitaria organizzato dal Provveditorato agli Studi di Napoli, dalle UU.SS.LL. metropolitane, dal Comune di Napoli e dalla Regione Campania. Specializzato sulle tossicodipendenze, presso l’Istituto Superiore di Studi Sociali e Psicologici di Pescara con l’autorizzazione ed il riconoscimento del Ministero della Sanità.

Specializzato in Psicoterapia Centrata sulla Persona, Psicoterapia di gruppo, Psicoterapia di coppia, Psicoterapia familiare – Psicoterapia infantile – Training Autogeno – Sessuologia.

Specializzato in Sociologia sanitaria – Sociologia dell’organizzazione – Sociologia dell’educazione – Socioiatria – Socioterapia. Servizio militare: Effettuato col grado di Sottotenente di Complemento (85° Corso A. U. C. – Scuola di Fanteria di CESANO – Roma).

Collocato in congedo, per ultimato servizio di prima nomina, il 12 gennaio 1978. Responsabile della Selezione e Addestramento Reclute presso il Battaglione “LUCANIA”, sito in Potenza dove ha prestato il servizio militare in qualità di Sottotenente. Psicologo Psicoterapeuta Individuale – di coppia – familiare – di gruppo

Attività di formazione e counseling per professionisti nei vari ambiti lavorativi

– Dal gennaio 2002, a tutt’oggi è Direttore della Scuola di Formazione Superiore di Counseling dell’ASPU, per il Corso di formazione Triennale di “Counseling Formation For The Helping Profession, per la figura professionale di “Counselor”. – Dal un ventennio a tutt’oggi, svolge l’attività di formazione e counseling per professionisti nei vari settori e ambiti lavorativi, per professionisti dell’educazione, per i Docenti d’ogni ordine e grado nei Corsi d’Aggiornamento autorizzati dai Provveditorati agli Studi, per i Progetti del Ministero della Pubblica Istruzione e per le iniziative organizzate nell’ambito del F.S.E. (Fondo Sociale Europeo) per le seguenti tematiche: a.  Il miglioramento della comunicazione e della capacità relazionale tra docenti; docenti e alunni e docenti e genitori. b.  Il miglioramento della comunicazione e della capacità relazionale tra i professionisti impegnati nello Sviluppo delle Risorse Umane e nelle Organizzazioni. c.  Strumenti del Formatore e Comunicazione. d.  Le dinamiche di gruppo. e.  L’Approccio psicologico umanistico applicato all’Istruzione e al mondo del Lavoro. f.  Sviluppo Personale e Organizzazione dal punto di vista dell’Approccio Centrato sulla Persona e Sviluppo salute sul posto di lavoro. g.  Le tecniche dell’Approccio rogersiano applicate all’insegnamento/apprendimento. h.  L’osservazione del comportamento sistematico dal punto di vista psicologica umanistica. i.  La programmazione didattica e educativa e la progettazione per obiettivi. j.  L’orientamento scolastico e/o professionale. k.  Innovazione tecnologica e Risorse Umane. l.  Lo “School Team Approach” per i Dirigenti e gli Operatori scolastici. m.  Linguaggi e Struttura della Comunicazione per Dirigenti e professionisti delle Risorse Umane e delle Organizzazioni. n.  Il Brainstorming – Role Play – Il gruppo di lavoro – Il problem-solving – Il Circle Time – R.O.I.D.A.: «La spirale del successo» (Risorse – Obiettivi – Intenzione – Decisione – Azione). o.  Adattamento – sottoprogramma n.9 F.S.E. – per gli Istituti Professionali per la prevenzione dalle «condotte a rischio» e la dispersione scolastica. p.  Operatori d’Agenzia di Viaggio – Capo Villaggio – Operatore Banqueting – per i Diplomi post-qualifica professionale, disciplina: Scienze e tecniche della Comunicazione. q.  Tecnici della gestione aziendale – settore informatico: «applicativi gestionali», disciplina, Informatica gestionale. r.  Autonomia scolastica – Progetto sperimentazione dell’Autonomia scolastica. s.  Il D.Lgs. 626 – La Tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro

Docenze – Training – Stage – Esperienze di lavoro

– Dal 1 febbraio 1978 al 31 agosto 1989 ha insegnato Religione Cattolica, presso Istituti Statali Secondari Superiori, con nomina del Responsabile della Curia di  residenza e del Preside dell’Istituto.  – Dal 12 marzo 1980 al 31 maggio 1982 ha frequentato l’Ospedale psichiatrico “L. BIANCHI” in qualità di Sociologo Volontario, Psicoterapeuta e Consulente psicologo,  giusta Ordinanza Presidenziale n. 35 (Amministrazione Provinciale di Napoli) del 10 marzo 1980.  – Dal 9 agosto 1982 al 18 dicembre 1982 ha prestato, in qualità di Sociologo, Consulenza Tecnica Specialistica per i Minori Ospiti delle Istituzioni Penitenziarie presso la  Prigione Scuola Maschile d’Airola (BN) per conto dell’I.R.S.CO. Istituto di Formazione Professionale regionale. 

– Dal 2 gennaio 1983 al 20 dicembre del 1983 ha prestato, in qualità di Sociologo, Consulenza Tecnica Specialistica per i Minori Ospiti delle Istituzioni Penitenziarie  presso: l’I.O.M. “FILANGIERI” e “NISIDA” di Napoli e l’I.O.M. “A. ANGIULLI” di Caserta per conto della CONFARTIGIANATO Federazione Regionale Artigiani della –  Campania. 

– Dal 6 giugno 1982 al 31 agosto 1985 è stato consulente psicologo scolastico, presso il 63° Circolo Didattico di Napoli, in favore degli alunni con disturbi  comportamentali e d’adattamento scolastico.

– Dal 1 settembre 1985 al 31 agosto 1989, è stato consulente psicologo scolastico presso il 53° Circolo Didattico di Napoli in favore degli alunni con disturbi  comportamentali e d’adattamento scolastico. – Negli anni accademici 1989/90 e 1990/91 è stato Docente di Sociologia e Psicologia dell’educazione e di Tirocinio e Dimensione Operativa nei Corsi biennali di  Specializzazione, per gli Insegnanti di Sostegno, per gli alunni portatori di Handicap, presso l’A.N.S.I. (Associazione Nazionale Scuola Italiana). 

– Negli anni scolastici 1989/90, 90/91, 91/92, è stato Docente di Sostegno per gli alunni portatori di handicap (audiolesi) dell’I.T.C. ” A. SERRA ” – Sezione sperimentale –  di Napoli, giusta nomina del Provveditore agli Studi di Napoli. 

– Dall’anno scolastico 1992/93, all’anno scolastico 1999/2000 è stato docente a tempo indeterminato, per l’insegnamento d’informatica gestionale (Classe di concorso ex  A053), quale vincitore di Concorso a cattedre (D.M. 23/03/1990), presso l’I.P.S.S.C.T. ” Salvator ROSA”, sito in Napoli. 

– Dall’anno scolastico 2000/2001 a tutt’oggi è docente a tempo indeterminato, per l’insegnamento di Filosofia, psicologia e scienze dell’educazione (Classe di Concorso  A036), presso gli Istituti Secondari Superiori, in forza dell’abilitazione conseguita, con O.M. n. 153/99 

– Dal gennaio 1994 al gennaio 1998, è stato Responsabile del Dipartimento di Psicologia dell’educazione dell’I.A.C.P. (Istituto dell’Approccio Centrato sulla Persona “Carl  ROGERS”, per la Divisione Campania di Napoli. 

– Nell’anno scolastico 1994/95 è stato consulente psicologo scolastico. presso l’I.T.F. ” Vittorio EMANUELE ” di Napoli per il C.I.C. (Centro Informazione e Consulenza)  dell’Istituto.

– Dal gennaio 1984 a tutt’oggi, svolge l’attività di formazione e counseling per professionisti, nei vari settori e ambiti lavorativi, per professionisti dell’educazione, per i  docenti d’ogni ordine e grado, nei Corsi d’Aggiornamento e formazione professionale autorizzati dagli Uffici Scolastici Regionali, per i Progetti del Ministero della —  Pubblica Istruzione e per le iniziative organizzate nell’ambito del F.S.E. (Fondo Sociale Europeo) e PON. 

– Nell’anno scolastico 1996/97 è stato nominato ” O. P. ” Operatore psicopedagogico presso l’I.P.S.S.C.T. (Istituto Professionale Statale per i Servizi Commerciali e  Turistici): ” Salvator Rosa ” di Napoli.  – Esperto di Dinamiche di gruppo e dell’Helping professional.  – Esperto settore: sistemi informativi.  – Esperto delle Tecniche e Scienza delle comunicazioni. – Esperto di psicologia del lavoro e dell’organizzazione: formazione – selezione – orientamento – bilancio di competenze.  – Esperto di sociologia del lavoro e dell’organizzazione.  – Esperto della Sicurezza e Tutela dei lavoratori sui luoghi di lavoro – D. Lgs. 626/94. 

– Ha maturato esperienza come SOCIOIATRA e SOCIOTERAPEUTA, secondo la teoria e l’Approccio di ” MARSHAL EDELSON ” – HARWARD UNIVERSITY – (USA).  – Di recente ha elaborato e sviluppato un personale approccio socio-psico-pedagogico- metodologico-didattico, utilizzando gli elementi costitutivi dell’Approccio Centrato  sulla Persona, e del “WBSI” (School of Management – WESTERN BEHAVIORAL SCIENCES INSTITUTE) – Università di San Diego – California (USA) per la formazione  personale e professionale dei professionisti dello Sviluppo delle Risorse Umane, delle Organizzazioni e dell’educazione. È tuttora impegnato in tale ricerca.  – Impegnato per la diffusione e lo sviluppo dell’Approccio Centrato sulla Persona di “Carl ROGERS” nei vari ambiti e livelli del vivere umano e della Socioterapia intesa  come integrazione tra il sistema sociale ed il sistema della personalità. – Esperto della tecnica dello ” School Téam Approach ” per la facilitazione ed il miglioramento della funzione docente e del lavoro del Tèam Teaching- 

– Nell’anno 1993 è stato Membro del Consiglio Direttivo dell’A.C.P. (Associazione Europea ed Italiana dell’Approccio Centrato sulla Persona ” Carl ROGERS ” – Roma -).  – Nell’anno Accademico 1997/98, ha tenuto Seminari sulla Sociologia e Psicologia del Lavoro, presso l’Università degli Studi di Napoli, II ATENEO di NAPOLI – I^ Facoltà  di Medicina e Chirurgia nel Corso di Perfezionamento in ” Medicina Aziendale e del Lavoro” Cattedra del prof. Nicola SANNOLO. 

– Nell’anno Accademico 1997/98 ha tenuto Seminari sulla “Prevenzione Infortuni”: Legge 626 presso l’Università degli Studi di Napoli, II ATENEO di NAPOLI – I^ Facoltà  di Medicina e Chirurgia nel Corso di Perfezionamento in ” Medicina Aziendale e del Lavoro” Cattedra del prof. Nicola SANNOLO.  – Membro dell’A.H.P. (American Association Humanistic Psychology).

– Dal 30 marzo 1999, a tutt’oggi, è Presidente dell’Associazione ASPU (Associazione per lo Sviluppo della Persona e del Potenziale Umano) – Associazione, senza  scopo di lucro a carattere scientifico-culturale-umanitario, accreditata, in via definitiva dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), ai sensi del —  D.M. n. 177 del 04 luglio 2003. L’ASPU è nata, per la diffusione dell’Approccio psicologico “Centrato sulla Persona” di Carl Rogers e la diffusione delle tecniche e  metodologie dell’Approccio psicologico esistenziale-umanistico e del “WBSI” (School of Management – WESTERN BEHAVIORAL SCIENCES INSTITUTE) – Università di  – San Diego – California (USA) per la formazione delle figure professionali emergenti e dei professionisti nei vari ambiti lavorativi.  Iscritto all’Albo professionale degli psicologi della Regione Campania di Napoli (ex arte. 33 Legge n. 56/89). Abilitato all’esercizio dell’attività psicoterapeutica, ai sensi  dell’art. 35 della Legge 56/89. 

– Impegnato, quale libero professionista, come psicoterapeuta rogersiano, facilitatore di Gruppi d’Incontro – T- Groups, trainer di Corsi di formazione ed aggiornamento  per professionisti dell’educazione – Operatori sociali e scolastici – Operatori psicopedagogici – Manager; esperto delle “Dinamiche di gruppo” – “Orientamento scolastico  e/o professionale” dell’“Helping profession” – Della gestione e Sviluppo delle Risorse Umane

Progettazioni – Docenze – Coordinamenti:

– Membro dello Staff di coordinamento e progettazione per le attività del 1° CORSO D’INFORMAZIONE/FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE ED EQUIPARATO (specialisti in formazione, dottori di ricerca, borsisti, studenti con contratto di part-time) – SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI – Azienda Universitaria Policlinico: “Il D.Lgs. 626/94, D.I. 16 gennaio 1997 – Prescrizione ASL NA/1 n. 577 del 30/12/1997 in relazione agli obblighi ex art. 21 del D.Lgs. 626/945” DELIBERA DEL SENATO ACCADEMICO n.9 25/05/99 con DELIBERA del C.d.A. n. 15 del 04/06/99 – per l’anno 1999/2000.- Responsabile della Formazione dei Docenti del Corso – Progettazione del Modulo 1 “Tecniche della comunicazione interpersonale” Metodi formativi e didattica generale”- Supervisione metodologia/didattica e formazione.

– Coordinamento, progettazione e formazione nell’ambito del P.O. 940025 I1 – Annualità 1998 e 1999 – SOTTOPROGRAMMA 15 “BILANCIO DELLE COMPETENZE”n. 2 CORSI anno scolastico 1998/99 e n. 1 CORSO anno scolastico 1999/2000, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E. presso l’I.P.I.A. “G. GIORGI” d’Avellino – Annualità 1999 e 2000.

– Coordinamento, progettazione e docenza, quale esperto di metodologia e didattica della progettazione e pianificazione dell’azione – Attività di formazione per gli insegnanti del 2° Circolo Didattico di Sant’Anastasia (Napoli) nell’ambito della Sperimentazione dell’Autonomia Scolastica (Legge 104/92 – D.M. 331 del 24/7/98). “Integrazione scolastica: una scuola a dimensione di bambino”, anno scolastico 1999/2000.

– Docenza per un numero complessive d’ore 50, quale esperto d’informatica gestionale,: “Applicativi gestionali”, nell’ambito del corso “Ponte (NA) Sperimentazione Diploma Post Diploma – Operatore specializzato in turismo congressuale e sociale – attività ’95”, organizzato dal Cesvitec nell’ambito del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 936106 I1 – CEE C (93) n. 1642 del 22/07/93 – F.S.E. -Camera di Commercio di Napoli.

– Docenza per un numero complessive d’ore 110, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.I.A. “G. GIORGI” d’Avellino – Annualità 1994 e 1995.

– Docenza per un numero complessive d’ore 110, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.I.A. “G. GIORGI” d’Avellino – Annualità 1995 e 1996.

– Docenza per un numero complessive d’ore 12, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito del PIANO FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONE CAMPANIA organizzato dal Ministero del Lavoro e cofinanziati dal F.S.E.: “TECNICO PER LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO” D. Lgs. 626/94, gestito dall’E.B.A.C. (Ente Bilaterale Artigianato Campania) – Anno 1996.

– Docenza per un numero complessive d’ore 95, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.A.A. “F. SILVESTRI” di Napoli – Annualità 1996 e 1997.

– Docenza per un numero complessive d’ore 50, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Formazione dei Genitori”, presso la Scuola Media Statale “Melo da Bari” di Bari – Annualità 1997 e 1998.

– Docenza per un numero complessive d’ore 36, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.A.A. “F. SILVESTRI” di Napoli – Annualità 1997 e 1998.

– Docenza per un numero complessive d’ore 36, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.A.A. “F. SILVESTRI” di Napoli – Annualità 1998 e 1999.

– Docenza per un numero complessive d’ore 36, quale esperto sociologo e psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.I.A. “G. GIORGI” d’Avellino – Annualità 1999 e 2000.

– Docenza per un numero complessive d’ore 36, quale esperto psicologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.A.A. “F. SILVESTRI” di Napoli – Annualità 1999 e 2000.

– Docenza per un numero complessive d’ore 36, quale esperto psicologo del lavoro, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “Interventi per la riduzione della dispersione scolastica tramite strategie di pianificazione ed individualizzazione dell’apprendimento/insegnamento”, presso l’I.P.S.I.A. “AMATUCCI” d’Avellino – Annualità 1999 e 2000.

– Docenza per un numero complessive d’ore 20, quale esperto psicologo e sociologo, nell’ambito dei Programmi Operativi 93610 I1 e 940025 I1 Sottoprogramma 9, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: progetto YOUTHSTART “ORIENTA” Modulo 3 – Prevenzione dalla microcriminalità – Organizzati dalla Regione Campania d’Avellino e la S.r.l. Babele, presso l’I.P.I.A. “G. GIORGI” d’Avellino – Annualità 1999 e 2000.

– Docenza per un numero complessive d’ore 18, quale esperto sociologo, nell’ambito del Corso di formazione professionale organizzato dal Ministero del Lavoro e cofinanziati dal F.S.E.: “TECNICO PER LA RINATURAZIONE ED IL VERDE URBANO”; n. 31504, Delibera G.R. n. 10312 del 31/1298 Ministero del Lavoro, gestito dall’IS. CON. (Istituti di Studi Consorziati) – Attività 1999.

– Docenza per un numero complessive d’ore 20, quale esperto di comunicazione ne relazioni interpersonali, nell’ambito del Corso di formazione professionale per il personale dipendente ed equiparato organizzato dal II ATENEO DI NAPOLI – Università degli Studi di Napoli 1^ Facoltà di Medicina e Chirurgia e dal Ministero della Sanità: “TECNICO PER LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO”, D. Lgs. 626/94 – Attività 1999.

– Docenza per un numero complessive d’ore 60, quale esperto psicologo e sociologo, nell’ambito del Corso di formazione professionale – I F T S – Organizzato dalla Regione Campania e dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E.: “TECNICO CAD/CAM E PROJECT MANAGEMENT” -Settore di riferimento: Industria, servizi Classificazione ISTAT 3.1.1.4 – Attività 2000/2001.

– Docenza per un numero complessivo di 50 ore, quale esperto psicologo e sociologo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Scuola n. 1999 IT 05 1 PO 013 MISURA 3 AZIONE 3.2 organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E. “Interventi per la prevenzione e recupero della dispersione scolastica di alunni della scuola secondaria superiore e per il rientro dei drop out”. Titolo del progetto: “Esplorando i percorsi culturali giovanili”, presso l’I.T.I.S. (Istituto Tecnico Industriale Statale) “Antonio Pacinotti” di Scafati (SA) – Attività 2000/2001

– Docenza per un numero complessivo di 50 ore, quale esperto psicologo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Scuola n. 1999 IT 05 1 PO 013 MISURA 3 AZIONE 3.2 organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E. “Interventi per la prevenzione e recupero della dispersione scolastica di alunni della scuola secondaria superiore e per il rientro dei drop out”. Titolo del progetto: “Conservazione dei beni culturali”, presso l’I.T.I. (Istituto Tecnico Industriale) “Antonio Pacinotti” di Scafati (SA) – Attività 2000/2001

– Docenza per un numero complessivo di 50 ore, quale esperto psicologo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Scuola n. 1999 IT 05 1 PO 013 MISURA 3 AZIONE 3.2 organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E. “Interventi per la prevenzione e recupero della dispersione scolastica di alunni della scuola secondaria superiore e per il rientro dei drop out”. Titolo del progetto: “Oltre gli Scavi”, presso l’I.T.I. (Istituto Tecnico Industriale ) “Antonio Pacinotti” di Scafati (SA) – Attività 2003/2004

– Docenza per un numero complessivo di 50 ore, quale esperto psicologo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Scuola n. 1999 IT 05 1 PO 013 MISURA 3 AZIONE 3.2 organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione e cofinanziati dal F.S.E. “Interventi per la prevenzione e recupero della dispersione scolastica di alunni della scuola secondaria superiore e per il rientro dei drop out”. Titolo del progetto: “Il coinvolgimento motivazionale, creativo e multimediale per un efficace recupero degli allievi a rischio di dispersione nel contesto educativo e sociale”, presso l’I.T.I.S. (Istituto Tecnico Industriale Statale) “Antonio Pacinotti” di Scafati (SA). – Attività 2003/2004.

– Coordinatore scientifico e Relatore al 1° Convegno Nazionale dell’ASPU – Napoli – Sala Comunale Santa Chiara: 11/12 maggio 2002 – “Mente – Anima”: un possibile approccio per definire le risorse da utilizzare nella gestione e riduzione del disagio e della sofferenza psicologica sul piano personale, familiare, scolastico e sociale, nella realtà territoriale Campana. Le relazioni sono state le seguenti: “La consapevolezza di sé, come risorsa, nella gestione e riduzione del disagio e della sofferenza psicologica” – “Un modello educativo integrativo” – “Gli sviluppi e le prospettive future dell’Approccio psicologico Centrato sulla Persona” – “Un modo di Essere Centrato sulla Persona”.

– Coordinatore scientifico e Relatore alla Giornata di Studio, organizzata dall’ASPU – Napoli – Sala Comunale Santa Chiara: 23 novembre 2002 – “La Professione del Terzo Millennio”: Counseling Professionale, nascita e sviluppo di una nuova figura professionale emergente. Le relazioni sono state le seguenti: “Il counseling: efficace strumento di crescita personale e professionale” – “Prospettive professionali e contesti lavorativi del Counselor”.

– Docenza per un numero complessivo di 20 ore, quale esperto psicologo del lavoro, nell’ambito del Corso di Formazione per R.S.U. (Rappresentanza Sindacale Unitaria), Terminali Associativi e Dirigenti Scolastici, organizzato dall’IRSEF-IRFED NAPOLI – CISL SCUOLA su: “Le relazioni sindacali, nella scuola dell’Autonomia” – “POF e contratto d’Istituto, contenzioso…” – “Per essere una R.S.U. efficace…” , tenutosi dal 6/05/2002 al 15/05/2002, per le rappresentanze sindacali dei Distretti Scolastici di Napoli e Provincia.

– Docenza per un numero complessivo di 20 ore, quale esperto psicologo del lavoro, nell’ambito del Corso di Formazione per R.S.U. (Rappresentanza Sindacale Unitaria), Terminali Associativi e Dirigenti Scolastici, organizzato dall’IRSEF-IRFED NAPOLI – CISL SCUOLA su: “Le relazioni sindacali, nella scuola dell’Autonomia” – “POF e contratto d’Istituto, contenzioso…” – “Per essere una R.S.U. efficace…” , tenutosi dal 6/05/2003 al 21/05/2003, per le rappresentanze sindacali dei Distretti Scolastici di Napoli e Provincia.

– Docenza per un numero complessivo di 20 ore, quale esperto psicologo-psicoterapeuta, nel Corso di Aggiornamento professionale, per gli insegnanti della scuola dell’infanzia e scuola primaria del 1° Circolo Didattico – “Giuseppe Ungaretti” – di Gragnano (NA), svolto dal 29 novembre 2003 al 17 dicembre 2003 su: “Le dinamiche di gruppo” – Il conflitto – “La gestione dei «Casi difficili»” – “La risoluzione efficace (io vinco-tu vinci) del conflitto, nel gruppo-classe e nel Team Teaching”.

– Coordinatore scientifico e Relatore alla Giornata di Studio, organizzata dall’ASPU – Napoli – Sala Comunale Santa Chiara: 14 novembre 2003 – “La famiglia, la Scuola, la Sanità, il Territorio: “La gestione dei «Casi» difficili e l’integrazione dei diversamente abili” – Le relazioni sono state le seguenti: “Un modo di essere, di educare, di comunicare e di relazionarsi «Centrato sulla Persona»” – Tavola Rotonda: “Efficacia e Qualità della Relazione”.

– Docenza per un numero complessivo di 30 ore, quale esperto dell’ASPU – Associazione per lo Sviluppo della Persona e del Potenziale Umano – nel Corso di Formazione professionale, per gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo “ S.M. MILANI” di Caivano (NA), svolto dal 9 settembre 2003 al 21 ottobre 2003, su: “La formazione in servizio del professionista dell’educazione – Programma teorico esperienziale per la crescita personale e professionale degli Insegnanti impegnati nel Team Teaching e nelle dinamiche del gruppo-classe”.

– Docenza per un numero complessivo di 30 ore, quale esperto dell’ASPU – Associazione per lo Sviluppo della Persona e del Potenziale Umano – nel Corso di Formazione professionale, per gli insegnanti della scuola Primaria del 1° Circolo Didattico – “Giuseppe Ungaretti” – di Gragnano (NA), svolto dal 15 gennaio 2004 al 19 febbraio 2004 su: “La progettazione e la programmazione efficace degli interventi didattici e educativi, per una Scuola “Centrata sulla Persona” – “R.O.I.D.A.”, ovvero la spirale del successo formativo” – “P.C.C.D.Q.C.I.”, Perché – Chi – Che cosa – Dove – Quando – Come – In quali circostanze.

– Docenza per un numero complessivo di ore 24, quale esperto dell’ASPU – Associazione per lo Sviluppo della Persona e del Potenziale Umano – nel corso di Aggiornamento professionale, per gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Statale di Paolisi (BN), svolto dall’11 marzo 2004 al 22 aprile 2004 su: «La comunicazione e la relazione efficace» – “La gestione dei «Casi difficili» e del conflitto nel gruppo-classe” – L’integrazione dei diversamente abili” – Programma teorico esperienziale per la crescita personale e professionale degli insegnanti impegnati nel Team Teaching e nelle dinamiche del gruppo-classe.

– Coordinatore scientifico e relatore al seminario organizzato dall’ASPU “La famiglia, la scuola, la sanità e il territorio”- la gestione dei “casi difficili” e l’integrazione dei diversamente abili- tenutosi presso la sala comunale “Vincenzo Gemito” Via Pessina porticato n°9, in data 14 Novembre 2003.

– Coordinatore scientifico e relatore al seminario di formazione organizzato dall’ASPU “Migliorare l’autostima : riconoscere e vivere al meglio il proprio potenziale umano e professionale” – “ sentirsi” e “sentire” per vivere appieno la propria vita e “ godere della propria originaria unicità esistenziale” gioire per quello che si è e per quello che si fa – tenutosi presso la Sala comunale “Santa Chiara” Piazza del Gesù nuovo n° 12 in data 13 Settembre 2004.

– Coordinatore scientifico e relatore al seminario di formazione organizzato dall’ASPU “Autostima”- scoprirsi, conoscersi e riconoscere le proprie risorse interiori e più profonde –Guardare profondamente dentro se stessi, scoprirsi, conoscersi e riconoscere le proprie risorse al fine di liberarle in strumenti utili per il soddisfacimento dei propri bisogni e la realizzazione dei propri obiettivi – tenutosi, presso il Centro sociale “Samantha della Porta” Via Morelli e Silvati, Avellino, in data 16 Settembre 2004.

– Coordinatore scientifico e relatore al seminario di formazione accreditato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca): “L’intelligenza emotiva” – lo sviluppo emozionale della personalità del minore, tenutosi presso l’Auditorium Casa di riposo “Rubilli”, Villaggio A.C.R.I. di Avellino, in data 16 Dicembre 2004.

– Coordinatore scientifico e relatore alla Giornata di studio “Il counseling centrato sulla persona” accreditato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca): come diventare un efficace professionista della “ relazione d’aiuto” nella famiglia, nella scuola, nella sanità e nel mondo del lavoro, tenutosi presso la Sala comunale “ Vincenzo Gemito”, Via pessina Porticato n. 9, in data 02 Aprile 2004.

– Coordinatore scientifico e relatore al Seminario di formazione accreditato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca): “L’intelligenza emotiva”, lo sviluppo emozionale della personalità del minore, tenutosi presso la Sala comunale “Vincenzo Gemito”, Via Pessina Porticato n. 9, in data 13 Gennaio 2005.

Iniziative di rilievo all’interno dell’ASPU:

– Promotore della raccolta fondi per la Campagna mondiale di vaccinazione – 16 dicembre 2000 – messa in essere dall’ASPU – UNICEF Campagna per donare la vita ai bambini “Adotta la Pigotta”

– Diagnosi, progettazione, promozione, ricerca, monitoraggio, valutazione e realizzazione (erogazione) dei seguenti servizi formativi autorizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione con rilascio di attestato valevole per il curriculum formativo e professionale: 1° CORSO DI FORMAZIONE DI APPROCCIO ROGERSIANO “EFFICACIA E QUALITÀ DELLA RELAZIONE” Corso di primo livello autorizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione, con D.M. del 28 luglio 2000 n. protocollo 7360, per ISPETTORI MINISTERIALI – DIRIGENTI – FIGURE OBIETTIVO – DOCENTI – PERSONALE ATA

– Diagnosi, progettazione, promozione, ricerca, monitoraggio, valutazione e realizzazione (erogazione) dei seguenti servizi formativi autorizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione con rilascio di attestato valevole per il curriculum formativo e professionale: 1° CORSO DI FORMAZIONE DI APPROCCIO ROGERSIANO “SCHOOL TEAM APPROACH” Corso di primo livello autorizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione con D.M. del 28 luglio 2000 n. protocollo 7360 per ISPETTORI MINISTERIALI – DIRIGENTI – FIGURE OBIETTIVO DOCENTI

– Diagnosi, progettazione, promozione, ricerca, monitoraggio, valutazione e realizzazione (erogazione) dei seguenti servizi formativi autorizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione con rilascio di attestato valevole per il curriculum formativo e professionale: 1° CORSO DI FORMAZIONE DI APPROCCIO ROGERSIANO “EFFICACIA E QUALITÀ DELLA RELAZIONE” Corso di secondo livello autorizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione, con D.M. del 28 luglio 2000 n. protocollo 7360, per ISPETTORI MINISTERIALI – DIRIGENTI – FIGURE OBIETTIVO – DOCENTI – PERSONALE ATA

– Diagnosi, progettazione, promozione, ricerca, monitoraggio, valutazione e realizzazione (erogazione) dei seguenti servizi formativi autorizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione con rilascio di attestato valevole per il curriculum formativo e professionale: 1° CORSO DI FORMAZIONE DI APPROCCIO ROGERSIANO “SCHOOL TEAM APPROACH”. Corso di secondo livello autorizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione con D.M. del 28 luglio 2000 n. protocollo 7360 per ISPETTORI MINISTERIALI – DIRIGENTI – FIGURE OBIETTIVO DOCENTI

– Counselor educational, presso la scuola materna ed elementare parificata “Sacratissimi Cuori” di Palma Campania (Napoli)

– Counselor educational – Psicologo scolastico, presso il Terzo Circolo Didattico “Giancarlo Siani“ Marano di Napoli (NA)

– Supervisore clinico e didattico delle attività di formazione del Corso triennale di Counseling Professionale della Scuola di Formazione Superiore di Counseling dell’ASPU, per la formazione professionale dei “Counselor”.

– Direttore della Scuola di formazione del Corso triennale di Counseling Professionale della Formazione Superiore di Counseling dell’ASPU.

– Docente, nel Corso triennale di Counseling professionale della Scuola di Formazione Superiore di Counseling dell’ASPU, per le seguenti materie:

»Psicologia generale

»Psicologia Dinamica

»Psicologia dei Gruppi

»Psicodiagnostica

»L’Approccio Centrato sulla Persona

»L’Approccio integrato nel Counseling

»Psicoterapia e Counseling

»Gli approcci psicologici esistenziali

»Sociologia in Azione

»Socioiatria e Socioterapia

»Teorie e tecniche della Comunicazione I

»Teorie e tecniche della Comunicazione II

»Teorie e tecniche della Comunicazione III

»Tecniche di Counseling I

»Tecniche di Counseling II

»Tecniche di Counseling III

»Laboratori esperienziali I

»Laboratori esperienziali II

»Laboratori esperienziali III

»Supervisione clinica

»Supervisione didattica

Altro:

– Dal 27 novembre 1988 ad aprile 1989 ha completato un training di formazione in “Client Centered Psychotherapy” – University of California “Santa Cruz” University extension.

– Dal 7 ottobre al 27 ottobre 1990 ha completato un Training di formazione in “TEACHER EFFECTIVENESS TRAINING” presso l’I.A.C.P. di Roma conseguendo: “is now an Authorized Instructor of Teacher Effectiveness Training”.

– È attualmente impegnato nelle Attività di coordinamento, formazione e progettazione nel 1° CORSO D’INFORMAZIONE/FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE ED EQUIPARATO (specialisti in formazione, dottori di ricerca, borsisti, studenti con contratto di part-time) – SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI – Azienda Universitaria Policlinico.

– È attualmente impegnato nelle Attività di coordinamento, formazione e progettazione nel 1° CORSO D’INFORMAZIONE/FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE ED EQUIPARATO (specialisti in formazione, dottori di ricerca, borsisti, studenti con contratto di part-time) – SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI – Azienda Universitaria Policlinico

Sezioni

CHI E’? 

È Silvano Forcillo. Nasce a Napoli il 24 agosto del 1954. Si laurea, nel Corso di Laurea in Sociologia,  nel 20 Giugno del 1979, con lode,  presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli; si perfeziona in psicodiagnostica, in psicotecnica, in psichiatria  sociale, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli. Dal 1994 al 1998, è Responsabile del Dipartimento di  Psicologia dell’Educazione dell’I.A.C.P. (Istituto dell’Approccio Centrato sulla Persona) “Carl Rogers”, per la Divisione Campania di Napoli.  Già Membro del Consiglio Direttivo dell’A.C.P. e dell’A.H.P. (American Association Humanistic Psychology), è oggi Presidente dell’ASPU.  Apprezzato psicologo e psicoterapeuta rogersiano, fa dell’esercizio terapeutico uno strumento di continuo sviluppo di crescita personale.  Possiede carisma e doti innate di facilitatore di “Gruppi d’Incontro” e T-Groups. Trainer d’eccezione, in Corsi di formazione e aggiornamento  professionale, per le figure emergenti, nell’ambito sanitario, dell’istruzione, dell’educazione, del Management e delle Relazioni d’Aiuto.  Affascina gli ascoltatori, con la sua scelta di vita “Centrata sullo Sviluppo del Potenziale Umano”. I suoi incontri sono occasioni di  cambiamenti significativi, attraverso la scoperta di emozioni, nuove prospettive e nuovi modi di vivere. 

COSA FA?

Docente di Scuola d’Istruzione Superiore di secondo grado, psicologo e  psicoterapeuta di spicco, impernia la sua attività professionale su  una concezione di vita “Centrata sulla Persona”. Consegue la Specializzazione, in  “Psicoterapia Centrata sulla Persona”, secondo il  modello formativo di  Carl Rogers, presso l’I.A.C.P. di Roma e si specializza in “Client Centered Psychoterapy”, presso l’Università Statale di  Santa Cruz – San Diego – California (University Extension). Trainer del Metodo di formazione personale e professionale per Docenti “T.E.T ”  (Teacher Effectiveness Training) di Thomas Gordon dell’Effectiveness Training Inc. – California – Matura esperienza, come socioiatra e  socioterapeuta, secondo la teoria e l’Approccio di “Marshal Edelson” – Harward University. Esperto della tecnica dello “School Téam  Approach”,  per la facilitazione ed il miglioramento della funzione docente e del lavoro del Team Teaching. Esperto di Dinamiche di gruppo,  di Helping professional, di Tecniche e Scienze delle Comunicazioni, di Sistemi informativi, di Psicologia del lavoro e dell’Organizzazione  (formazione – selezione – orientamento – bilancio di competenze), della Sicurezza e Tutela dei lavoratori sui luoghi di lavoro (D. Lgs. 626/94). Direttore della Scuola Superiore di Counseling dell’ASPU. Docente, nel Master di Counseling ad “Approccio Umanistico Integrato”. È  membro dello Staff di coordinamento e progettazione, per le attività d’informazione e formazione per il Personale dipendente ed equiparato  della Seconda Università degli Studi di Napoli – Azienda Universitaria Policlinico. 

DOVE 

Frequenta per due anni l’Ospedale psichiatrico “Leonardo Bianchi”,  in qualità di Sociologo clinico  Volontario, Psicoterapeuta e Consulente  psicologo. Ancora per un biennio presta Consulenza Tecnica Specialistica per i Minori Ospiti delle Istituzioni Penitenziarie, presso la  Prigione Scuola Maschile d’Airola (BN), presso l’I.O.M (istituto di Osservazione Maschile) “Filangieri” e di “Nisida” di Napoli e, presso   l’I.O.M. “(istituto di Osservazione Maschile)  Andrea Angiulli” di Caserta. Dal 1984 a tutt’oggi svolge l’attività di formazione e Counseling per  Professionisti nei vari settori e ambiti lavorativi, per Professionisti dell’educazione, per Docenti in Corsi autorizzati dal  MIUR e per iniziative  organizzate nell’ambito del F.S.E. (Fondo Sociale Europeo). Operando per circa vent’anni nell’ambito delle relazioni di aiuto, si specializza  sulle tossicodipendenze, in Psicoterapia Centrata sulla Persona, Psicoterapia di gruppo, Psicoterapia di coppia, Psicoterapia familiare,   Psicoterapia infantile, Training Autogeno, Sessuologia, in Sociologia sanitaria, Sociologia dell’organizzazione, Sociologia dell’educazione.  Nel 1984 incontra lo psicoterapeuta rogersiano italo-americano, Gorge De Rita M.ED., amico e collaboratore diretto di Carl Rogers: gli  insegnamenti e il “modo di Essere” di George, suo maestro e amico, danno la svolta decisiva alla sua formazione personale e  professionale.

PERCHÉ 

Studioso instancabile, possiede una personalità eclettica. Profondo conoscitore dell’animo umano, delle scienze umane e naturali, ama la  musica e la lettura. Impegnato per la diffusione e lo sviluppo dell’Approccio Centrato sulla Persona di “Carl Rogers” nei vari ambiti e livelli  del vivere umano e della Socioterapia, fa di questa esperienza soggettiva uno strumento scientifico per la verifica e la validazione dei  risultati che ottiene nel suo lavoro. Elabora, sviluppa e valida un personale approccio socio-psico-pedagogico-metodologico-didattico,  utilizzando gli elementi costitutivi dell’Approccio Centrato sulla Persona, e del “WBSI” (School of Management – Western Behavioral  Sciences Institute – Università di San Diego – California) per la formazione personale e professionale dei professionisti dello Sviluppo delle  Risorse Umane, delle Organizzazioni e dell’educazione. Tuttora lavora su tale ricerca che riceve la validazione da parte del MIUR (Ministero  dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca), che ne autorizza la diffusione, nelle scuole di ogni ordine e grado. Chi conosce a fondo il suo  lavoro, aspetta con impazienza che il suo metodo, già organizzato in varie pubblicazioni, sia dato alla stampa. 

L’“Approccio Umanistico Integrato”

L’ “Approccio Umanistico Integrato” comprende ed integra tra loro i seguenti approcci psicologici:   L”Approccio Centrato sul Cliente” di Carl Rogers –  L”Approccio Gestaltico” di Frederick Perls –  L”Approccio Bioenergetico” di Alexander Lowen –  L”Approccio Transazionale” di Eric Berne. L’ “Approccio Umanistico Integrato” si prefigge di favorire lo sviluppo e l’utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutando chi si trova in momenti di sofferenza, o disagio psicologico, lavorativo e sociale, a superare quei problemi del vivere umano che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente, nel mondo esterno e nelle relazioni interpersonali.  

Il superamento del problema, la vera trasformazione spetta, in ogni caso, solamente al cliente: lo psicoterapeuta, infatti può solamente facilitarlo e orientarlo, nell’”hic et nunc”,  con empatia, accettazione e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso.  

Pertanto, lo scopo fondamentale dello psicoterapeuta, che si avvale dell’“Approccio Umanistico Integrato”, è l’autonomia del cliente, che possa fare le sue scelte, prendere le sue decisioni e, con consapevolezza, porle in essere.  

Una caratteristica dell’attività della psicoterapia  ad “Approccio Umanistico Integrato”, è il miglioramento della qualità della vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminarsi.  

Lo psicoterapeuta di formazione Umanistico Integrata crede nel valore di tutta la Persona e come si relaziona alla società ed è guidato dalla convinzione che, l’intenzionalità e i valori etici propri del cliente sono forti forze psicologiche, fra le determinanti fondamentali del comportamento umano.  

Lo psicoterapeuta Umanistico aiuta i clienti a riconoscere la loro autostima e guarda il comportamento umano, non solo attraverso gli occhi di un osservatore, ma attraverso gli occhi della persona che determina il comportamento.  

Gli  psicoterapeuti umanistici, sono “genuini, non giudicanti, empatici e fanno uso dell’ascolto riflessivo e delle risposte aperte, oltre a promuovere l’autocomprensione, l’autoaccettazione e l’autorealizzazione del Cliente”.  

L’ “Approccio Umanistico Integrato” si concentra sulle qualità peculiari di ogni singolo cliente. Riconosce che gli esseri umani sono individui complessi e crede profondamente nel fatto che, se alle persone vengono offerte indicazioni per esplorare ed accrescere la propria autostima, raggiungono anche appieno la propria autodeterminazione e la propria autorealizzazione.  

Gli “Approcci Umanistici Integrati” enfatizzano la consapevolezza dell’individuo riguardo alla sua esperienza soggettiva. Tutti si impegnano per migliorare la capacità di scelta e le potenzialità e tutti condividono la convinzione dell’importanza di una relazione umana autentica, come fattore fondamentale di salute personale e sociale.  

Un’importanza fondamentale viene data alle emozioni, quelle trascurate dai precedenti approcci. L’emozione è vista come una tendenza all’azione, che fornisce alle persone il feedback biologico e adattivo sulle loro modalità di risposta alle situazioni e alle soluzioni ai molteplici problemi del vivere umano.  

Gli “Approcci Umanistici Integrati” si focalizzano sulla consapevolezza delle sensazioni, attraverso le quali si sviluppa il processo di cambiamento nel corso del setting psicoterapeutico.   Questa nuova prospettiva, attenta a captare più profondamente le complessità del funzionamento umano, reale nel mondo, persegue una visione positiva della Persona, della Vita e della Società e crede fermamente nel miglioramento dell’individuo e del mondo in cui egli si autodetermina e autorealizza.

LA TERZA FORZA

L’Approccio Centrato sulla Persona di Carl Rogers, l’Approccio Centrato sulla Scuola, elaborato da Ray Bolam, sono stati integrati dall’ASPU in un unico modello formativo, attraverso un lavoro di ricerca e validazione scientifica, in un approccio metodologico/didattico di lavoro per la formazione dei docenti e delle varie figure professionali emergenti. La finalità di tale modello formativo è la creazione di una “Comunità di apprendimento”, caratterizzata da accettazione incondizionata, rispetto dell’altro in quanto Persona, fiducia ed empatia, elementi che promuovono l’autostima, l’autorealizzazione e l’autodeterminazione, associando ad un’alta qualificazione professionale e tecnica, lo sviluppo delle qualità proprie del potenziale umano.

Le teorie della Psicologia Esistenziale-Umanistica, che è stata denominata “TERZA FORZA”, all’interno della psicologia moderna, formulano principi che li differenziano fortemente dai principali orientamenti, quali quello cognitivo- comportamentale e quello psicodinamico. La Psicologia della Terza Forza vuole recuperare, nella prospettiva empirico- esistenziale, la ricchezza riflessiva sulla natura umana dando enfasi alla soggettività, alla consapevolezza e alla comprensione del comportamento, rifiutando fortemente la considerazione delle Persone come “oggetti” da osservare. La Terza Forza promuove il ritorno alla realtà sensibile e personale, verso l’autocoscienza, l’autorealizzazione e l’autodeterminazione, come libera e personale scelta aperta a tutti.

Gli psicologi umanisti sono veramente convinti che ogni persona abbia in sé e nell’unicità della propria consapevolezza, le risposte alle proprie domande e le soluzioni dei propri problemi. La fiducia nella capacità umana di autorealizzarsi è strettamente connessa al desiderio di voler essere continuamente se stessi. Il modo in cui essa si sviluppa non è dipendente dall’ambiente o dalle influenze negative degli altri o dal passato, ma solo dalla propria personale responsabilità.

La Persona è vista come unico agente attivo nella costruzione del suo mondo e delle sue esperienze. Per poter afferrare l’esperienza è fondamentale imparare a condividere il mondo dell’altro, in modo da superare il contrasto oggettivo- soggettivo. Poter condividere sensibilmente il mondo dell’altro è un privilegio e implica un tipo di comunicazione e relazione speciale: la “comunicazione e relazione empatica”.

Lo studioso e il teorizzatore della comunicazione e relazione empatica è stato: Carl Rogers, psicologo e psicoterapeuta americano, esponente di punta della psicologia umanistica, ideatore e fondatore dell’Approccio Centrato sulla Persona.

L’Approccio Centrato sulla Persona non è un sistema statico e chiuso, ma un insieme dinamico di teorie e di ipotesi che, in quanto tali, sono esplicitamente formulate in modo provvisorio e vengono mantenute solamente sino a quando ricerche più esaurienti avranno potuto meglio definirle.

Lo stesso Carl Rogers definendo la sua teoria afferma: «Per me l’Approccio centrato sulla Persona esprime il tema fondamentale di tutta la mia vita professionale, poiché esso si è chiarito attraverso l’esperienza, l’interazione con gli altri e la ricerca». Rogers è, infatti, fortemente convinto che l’individuo possiede già dentro di sé ampie risorse per l’autoapprendimento e l’autocomprensione, per modificare costruttivamente la propria idea del sé, le proprie qualità e il proprio comportamento e queste sue potenziali risorse possono esprimersi solo in un clima e in un contesto di facilitazione psicologica. Lo scopo principale dell’Approccio rogersiano è, quindi, quello di creare delle condizioni che permettano, appunto, a questa forza di base di agire, in modo che la Persona possa crescere verso la propria autorealizzazione.

Gli elementi costitutivi dell’Approccio rogersiano sono essenzialmente tre ed assicurano un clima ideale e facilitante la crescita della Persona, non solo nel rapporto prettamente psicoterapeutico, ma in ogni rapporto interpersonale; tra genitore e figlio, tra insegnante e studente, tra leader e gruppo, tra dirigente e collaboratore.

Il primo elemento è la Congruenza, che consiste nell’autenticità e genuinità, nella trasparenza e verità dei rapporti interpersonali. Il secondo elemento è l’accettazione dell’altro in quanto Persona, essenziale per la creazione di un clima facilitante. Il terzo elemento è la comprensione empatica: il saper cogliere e sentire le emozioni vissute e percepite dall’altro. È evidente che l’approccio Centrato sulla Persona si fonda su una radicata e sostanziale fiducia di base nella Persona stessa. È certamente questa caratteristica che contraddistingue questo approccio psicologico innovativo dalla maggior parte delle istituzioni della nostra cultura: l’educazione, la politica, gli affari, gran parte della religione e della vita familiare si basano sulla «sfiducia» nella Persona.

Il modello psicologico e psicoterapeutico adottato dal dott. Silvano Forcillo, nella sua attività e pratica clinica, s’ ispira ai Principi della “Psicoterapia Centrata sulla Persona” di Carl Rogers, integrato, con gli Approcci Psicoterapeutici Umanistici ed Esistenziali.

L’ABUSO SUI MINORI: Corso per docenti teso alla prevenzione degli abusi sessuali sui minori e all’individuazione degli indicatori di violenza. Training per bambini delle scuole materne/elementari di sicurezza personale o di autoprotezione. Incontri con genitori di tipo informativo/formativo per la prevenzione degli abusi sessuali.

LA RELAZIONE CORPO-MENTE: «La paura di amare e di vivere il piacere»,«sentirsi ed emozionarsi senza blocchi».

COME ACCRESCERE LA PROPRIA AUTOSTIMA: aumentare la propria? …

IL “JOB TEAM APPROACH”: Laboratorio teorico/esperienziale per la formazione dei Professionisti e degli Operatori socio-sanitari per il miglioramento della comunicazione e della capacità relazionale.

“HELPING PROFESSIONAL”: Laboratorio teorico/esperienziale per diventare «professionista della relazione d’aiuto», ovvero dell’arte dell’incoraggiamento.

IL DIRIGENTE D’AZIENDA CENTRATO SULLA PERSONA: Rendere efficace il proprio «Job Team», saper «ingaggiare le Persone», promuovere la cooperazione efficace.

EFFICACIA E QUALITÀ DELLA RELAZIONE: Il miglioramento della comunicazione e della capacità relazionale. Come instaurare relazioni profonde e significative nell’interazione personale e professionale.

L’APPROCCIO PSICOLOGICO CENTRATO SULLA PERSONA DI CARL ROGERS: Ovvero, le strategie e le tecniche della psicologia umanistica applicate al mondo del lavoro.

LE TEORIE DELLA PERSONALITÀ – LE TEORIE DELLE RELAZIONI UMANE – LE TEORIE DELLA RISOLUZIONE DELLE TENSIONI E DEI CONFLITTI NEL GRUPPO LAVORO: Il «rispetto dell’altro», l’«empatia» e la «congruenza» elementi costitutivi dell’Approccio Centrato sulla Persona di Carl Rogers.

CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI DI ORIENTAMENTO PER GIOVANI APPARTENENTI ALLE FASCE DEL DISAGIO SOCIALE: Prevenzione dalle dipendenze giovanili, strategie e tecniche d’intervento.

UN MODELLO D’INTERVENTO EDUCATIVO INNOVATIVO: L’Approccio Centrato sulla Perrsona diCarl Rogers. “L. E. D. A.” (laboratorio d’educazione al dialogo e all’ascolto), “L. E. C. E.” (laboratorio d’esercitazione alla comgruenza ed empatia): L’ascolto passivo e l’ascolto attivo, ovvero, saper ascoltare per saper comunicare ed incidere significativamente «sull’altro».

“R. O. I. D. A.” (RISORSE – OBIETTIVI – IDEE – DECISIONE – AZIONE): La spirale del successo formativo. “P. C. C. D. Q. C. I.” (perché – chi – che cosa – dove – quando – come – in quali circostanze): La progettazione e la programmazione efficace degli interventi didattici e educativi per una scuola «centrata sulle persone».

ANALISI DEI PROBLEMI E PRESA DI DECISIONE: Come si risolve un problema – Il problem solving – Il decision Marking – Il metodo “PDCA” – Il metodo “CCQDCQP”.

L’ORIENTAMENTO PROFESSIONALE: Sapere, saper Essere, saper fare. Le tecniche, gli strumenti e le strategie d’intervento innovative proposte dalla psicologia umanistica.

IL LABORATORIO “S. I. R. F.” (saper inviare e ricevere il feedback): Le barriere alla comunicazione; il brainstorming operativo, il brainstorming socio-relazionale.

L’OPERATORE SANITARIO CENTRATO SULLA PERSONA: La comunicazione e la relazione efficace – Le metodologie e i mezzi di controllo innovativi – Indicazioni programmatiche – Strategie e tecniche d’intervento.

SALUTE ED EDUCAZIONE SANITARIA: Corso d’informazione e formazione per educatori e operatori sanitari.

EDUCAZIONE SESSUALE E SOCIO-AFFETTIVA: Educare alla sessualità responsabile, ovvero, l’attuazione di se stessi nella crescita psicofisica e sessuale.

COUNSELLING E RELAZIONE D’AIUTO: Seminario/laboratorio di formazione professionale e personale per Professionisti ed Operatori sociali e sanitari.

IL CORRETTO APPROCCIO ALL’HANDICAP: Il punto di vista della psicologia umanistica – Strategie, tecniche e interventi innovativi – Il soggetto portatore di handicap e gli operatori “Centrati sulla Persona”.

“ON BECOMING A PERSON” – “IL MIO VERO MODO D’ESSERE” – Diventare una persona autorevole significativa: Seminario/laboratorio di formazione professionale e personale per i Docenti che vogliono applicare all’istruzione gli insegnamenti e le tecniche della psicologia umanistica

Pubblicazioni edite a stampa

– Alcune considerazioni sul ruolo del sociologo nel Servizio Sanitario Nazionale. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno II – N° 5 – Gennaio/Marzo 1984.

– Luci ed ombre della riforma psichiatrica. In Rivista “CAPODICHINO” – Anno XVII – N° 1 Gennaio/Marzo 1984. – Cenni sull’attuale Legislazione in materia di droga. In Rivista “CAPODICHINO” – Anno XVII – N° 1 – Aprile/Giugno 1984. – La tossicomania problema sociale. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno II – N° 6 – Aprile/Giugno 1984.

– Alcune considerazioni sulla peculiarità del rapporto fra individuo e droga. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno II – N° 7 – Settembre/Novembre 1984.

– Difficoltà e limiti dell’intervento psicoterapeutico col tossicomane. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno III – N° 1 – Gennaio/Marzo 1985.

– Legalizzazione dell’eroina: una svolta necessaria nella battaglia antidroga. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno III – N° 2 – Aprile/Giugno 1985.

– La Devianza minorile in Campania e le sue caratteristiche tipologiche. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno III – N° 3 – Settembre/Novembre 1985.

– La Devianza minorile in Campania e le sue caratteristiche tipologiche. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno III – N° 3 – Settembre/Novembre 1985.

– Lineamenti delle più diffuse tecniche psicoterapeutiche. In Rivista “CAPODICHINO” – Anno XVII – N° 2 – Aprile/Giugno 1985.

– I tre elementi costitutivi della Terapia Centrata sul Cliente di Carl ROGERS. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno III – N° 3 – Settembre/Novembre 1985.

– L’incidenza dei fattori socio-affettivi nel processo cognitivo del bambino. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno IV – N° 1 – Gennaio/Marzo 1986.-

– Riflessi della vita lavorativa sulla sessualità e nel rapporto di coppia. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno IV – N° 2 – Aprile/Giugno 1986.

– L’integrazione scolastica degli handicappati: in Rivista “CAPODICHINO” – Anno XVIII – N° 1 – Gennaio/Marzo 1987.

– La psicologia italiana nel primo trentennio del Novecento. In Rivista “CAPODICHINO” – Anno XVIII – N° 2 – Aprile/Giugno 1987.

– Sulla necessità di un modello unitario ed omogeneo della classificazione degli handicappati. In Rivista “Scienze Psicologiche” – Anno V – N°1 – Gennaio/Marzo 1988.

– Essere oggi Insegnanti Efficaci. L’Approccio umanistico applicato all’Istruzione in “CALLIGRAFIE” Portici – Ercolano – Napoli, dicembre 1993 n. 2.

Il Dott. Forcillo riceve, per appuntamento,  nei seguenti giorni:

Lunedi – Mercoledi – Venerdì Dalle ore: 15.00 alle 18.00

Studio di psicologia e psicoterapia:

Vico Pallonetto Santa Chiara, 8 80134 Napoli

email: s.forcillo@studiodipsicologiaforcillo.it

Telefax 081 5510739

cell. 331 4708847